HOME News Team Legends Contacts

Montserrat 2005

Incontri internazionali

  Montserrat – Europa

 - cronaca delle partite -

Incontri internazionali

 

 

8 febbraio 2005 , ore 19.00 – Blakes, MFA Sport Complex, Montserrat

Spettatori : 200 circa; Cielo coperto, temperatura 23°

Arbitro : Mr Burns (Antigua e Barbuda)

MONTSERRAT – EUROPA 1 - 0

Rete : 17' Michael Henry.

Montserrat

Dereck Wright; Randall Gibson (64' Samuel Mc Lean), Peter Phyll, David James, Kurt Phyll; Jason Bradford (46' Curt Adams), Sherlock Drayton (46' Clinton Lewis), Earl Montrose, Michael Henry (74' Aaron Thompson); Fimba Pantlitz (46' Jafaar Munroe), Donovan Peart (62' Kurt Silcott). All. Darren Read.

Europa

Alberto Licciardello ; Massimo Suardi (74' Riccardo Casale), Matteo Fornara, Maurizio Kosir (46' Paolo Garzotti), Daniele Manini ; Gaetano Petralia (46' Yves Le Lostecque), Gianluca Azzoni (70' Daniel Piazzi), Tomas Dufek (72' Domenico Rossetti) ; Ronan Le Lostecque, Eusepio Baldarelli (83' Markus Handke); Matteo Zacchetti (46' Alberto D'Alessandro). All. Alberto Piazzi.

La sconfitta di misura lascia molti rimpianti alla formazione europea che ha sprecato la grandissima occasione di pareggiare sbagliando un calcio di rigore concesso prima della fine del primo tempo. I due episodi del gol locale, favorito da un errore della difesa ospite, e del rigore fallito condizionano il risultato di una partita disputata a ritmo alto da entrambe le formazioni e incerta fino alla fine.

Montserrat presenta una formazione piuttosto ringiovanita rispetto alle ultime uscite valide per le qualificazioni ai Mondiali e alla Gold Cup, che hanno permesso alla formazione allenata dall'inglese Darren Read, ex-giocatore di Wolverhampton e Portsmouth in Inghilterra, e con trascorsi anche negli States e in Danimarca, di lasciare dietro di sé tre nazionali nella classifica FIFA. Read punta sulla velocità e sull'entusiasmo dei suoi per confermare i progressi evidenziati a St. Kitts nei preliminari continentali. Dal canto suo Piazzi, trainer della squadra europea con un passato nelle giovanili di Pizzighettone e Cremonese, schiera un undici combattivo con due mezzepunte dietro al centravanti e capitano Zacchetti. Il terreno di gioco, che su due lati dà sul mare dei Caraibi, è in perfette condizioni.

La prima occasione è per Dufek che al 6' si invola sulla sinistra e spaventa il portiere Wright, il quale viene ancora insidiato da R. Le Lostecque al 16'. L'inizio di gara è di marca ospite, ma poco dopo il quarto d'ora arriva la doccia fredda. Michael Henry da sinistra centra verso la porta avversaria e il suo traversone innocuo non viene trattenuto dal portiere europeo, tra lo sconcerto di giocatori e tifosi ospiti. Un vero e proprio infortunio dal quale peraltro Licciardello si riscatterà nel prosieguo della gara con una serie di interventi tempestivi. Se ne conteranno infatti almeno sette prima della fine della prima parte di gioco. Ma la grande occasione giunge a pochi minuti dal termine di una prima fase molto combattuta e incerta. Al 38' Baldarelli sfugge al controllo della difesa avversaria e al capitano Pete Phyll non resta altro da fare che atterrarlo in piena area di rigore, sulla sinistra rispetto alla porta difesa da Wright. Lo stesso Baldarelli si incarica di effettuare il tiro che Wright respinge con un intervento piuttosto agevole sulla sinistra.

Nella ripresa la partita resta vibrante e per almeno mezzora la formazione biancazzurra domina il gioco e si avvicina al gol del pareggio che sarebbe stato meritato, anche se le sporadiche azioni locali hanno creato seri grattacapi alla difesa ospite. Al 55' Manini calcia alto da posizione molto favorevole su azione di calcio d'angolo (i montserratiani, dal canto loro, concluderanno la gara senza battere nemmeno un tiro dalla bandierina). Un lob da lontano di Lewis colpisce la traversa della porta di Licciardello al 57' e la successiva respinta di Peart finisce a lato. Garzotti ha sul piede la palla del pareggio al 68' ma il suo tiro dal centro dell'area avversaria finisce alto. Ancora Manini di testa sfiora il gol al 73', mentre sull'altro fronte Adams colpisce in pieno la traversa con un tiro dal limite dell'area al 79'. A un minuto dal termine R. Le Lostecque calcia a lato una punizione dal limite che avrebbe potuto essere sfruttata meglio.

La partita si conclude con una vittoria di stretta misura della squadra di casa che ha prevalso grazie al suo maggiore dinamismo. Gli europei hanno comunque tenuto in mano il pallino del gioco per lunghi tratti, soprattutto nella prima mezzora di ciascuno dei due tempi. Nel secondo tempo la fluidità della manovra europea ha spesso avuto la meglio sui padroni di casa, senza però concretizzarsi nel gol del pareggio. Licciardello ha riscattato l'errore sul gol con molti interventi decisivi. La difesa ha tenuto botta contro la velocità dei padroni di casa e ha saputo tenere corta una squadra forse un po' sbilanciata nella sua disposizione iniziale. Il centrocampo ha sofferto durante la prima parte di gara, in cui Azzoni si è eretto a dominatore. Gli esterni hanno dovuto faticare per contenere le puntate dei centrocampisti avversari che optavano spesso per l'attacco per vie esterne. L'attacco è apparso timoroso all'inizio e solo a tratti è riuscito a rivelare tutto il suo potenziale. La squadra, rinforzata e comunque molto più determinata rispetto a quella che delude quest'anno nel suo campionato in Belgio, ha trovato le motivazioni e la condizione giuste per far fronte alla Nazionale di Montserrat, riuscendo cosi a realizzare l'obiettivo prefissato.

 

11 febbraio 2005 , ore 19.00 – Blakes, MFA Sport Complex, Montserrat

Spettatori : 250 circa; Cielo sereno, temperatura 23°

Arbitro : Mr Burns (Antigua e Barbuda)

MONTSERRAT – EUROPA 4 - 2

Reti : 6' (rigore) e 17' (rigore) Mario Todino ; 21' Elton Williams ; 30' e 45' John Nicholls ; 88' Jaafar Munroe.

Montserrat

Kurt Joyce (83' Dereck Wright); Clifford Joseph, Pete Phyll, Omar Jarrett (76' Samuel Mc Lean), Ortiz Miller (46' Sherlock Drayton); Elton Williams, Kelvin Ponde, Curt Adams (46' Clinton Lewis), Willix Antoine ; John Nicholls (80' Gregory Quacy), Jaafar Munroe. All. Darren Read.

Europa

Alberto Licciardello ; Paolo Garzotti, Daniele Manini, Maurizio Kosir (46' Matteo Fornara), Massimo Suardi (59' Domenico Rossetti) ; Mario Todino, Gianluca Azzoni (46' Riccardo Casale), Yves Le Lostecque (46' Gaetano Petralia), Tomas Dufek (76' Markus Handke); Eusepio Baldarelli (54' Daniel Piazzi), Matteo Zacchetti (46' Ronan Le Lostecque). All. Alberto Piazzi.

Note : ammoniti Daniele Manini e Maurizio Kosir.

Una partita spettacolare conclude il doppio confronto tra la nazionale di Montserrat e la rappresentativa europea. Il doppio vantaggio degli europei, ottenuto grazie a due calci di rigori sacrosanti concessi dall'arbitro antiguano Burns, non è sufficiente a contenere la rimonta dei locali che ribaltano il risultato prima della fine del primo tempo e lo consolidano sul finale di gara. Gli ospiti recriminano sulle mancate espulsioni che a termini di regolamento avrebbero dovuto essere attribuite a Joseph e al portiere Joyce sulle azioni delle due massime punizioni, cosi come riconosciuto al termine della gara anche dal trainer locale Read. Todino, abile trasformatore dal dischetto, passa così alla storia come il primo marcatore della nazionale dell'Unione Europea.

Il selezionatore dei locali Darren Read recupera tutti i suoi titolari e schiera nove giocatori che hanno fatto parte della squadra delle qualificazioni ai Mondiali di Germania, mentre Piazzi deve rinunciare al centravanti D'Alessandro, infortunatosi nel finale della prima gara, ma trova un importante pedina a centrocampo, il fantasista Todino. L'allenatore europeo, rispetto alla prima gara, schiera un più prudente 4-4-2 per contenere le avanzate sulle fasce dei padroni di casa. Ancora una volta perfetto il terreno di gioco.

La prima frazione di gioco è vibrante e caratterizzata da ben cinque segnature. Già al 6' uno slalom di Baldarelli, lanciato da Zacchetti sulla destra, è concluso a botta sicura da Yves Le Lostecque che si vede respingere il suo primo tiro dal portiere Joyce, e il secondo, da pochi passi, da un intervento con la mano del terzino Joseph. L'arbitro Burns concede il rigore ma grazia il difensore. Todino con freddezza infila l'angolino basso sulla sinistra del portiere. Al 13' Baldarelli, lanciato alla perfezione da Azzoni e solo davanti al portiere, manda fuori un pallonetto da posizione molto favorevole. Due minuti dopo è ancora Baldarelli che si incunea in area di rigore e da ultimo uomo viene atterrato da Joyce con un intervento a gamba tesa. E' rigore netto, che l'arbitro Burns concede dopo aver consultato il guardalinee, senza però prendere provvedimenti nei confronti dell'estremo difensore dei verdi locali. Ancora Todino trasforma, cambiando l'angolo di tiro. Subito dopo Licciardello sventa una punizione ravvicinata dei locali, ma nulla può al 21' quando la trappola del fuorigioco non scatta e Williams si trova solo a centro area da dove può superare il portiere con un agevole rasoterra. Dopo il gol, Montserrat prende le redini del gioco per tutto il resto della prima frazione, che risulterà il periodo decisivo della partita. Alla mezzora è Nicholls che sfrutta abilmente una corta respinta del portiere su una punizione rasoterra calciata da Ponde e pareggia il conto. Il tempo si chiude con un'altra occasione per gli europei, conclusa da una parata di Joyce sul colpo di testa di Zacchetti, ma soprattutto con il terzo gol del Montserrat. Nel recupero è ancora Nicholls a battere in diagonale Licciardello, a conclusione di un'azione iniziata da un abile recupero di palla sulla trequarti da parte di Adams.

La ripresa è meno vivace. Gli ospiti iniziano a pagare gli sforzi di due partite ravvicinate e raramente riescono a insidiare il portiere avversario, ma contengono senza eccessivi patemi le incursioni dei locali. Al 67' è Manini, su traversone di Fornara, che colpisce di testa da posizione favorevole, mentre al 78' Handke si vede respingere il tiro da buona posizione. E' però durante il forcing finale che la formazione europea sfiora a due riprese il gol del pareggio. All'86' Petralia si libera del controllo dei difensori avversari e lascia partire un pallonetto che lambisce la traversa a portiere battuto. Un minuto dopo una punizione di Todino è deviata verso la rete avversaria da Manini, ma il diagonale sfiora il palo. Con la metà campo avversaria sguarnita, Munroe ha gioco facile all'88' per superare Licciardello in uscita.

Il risultato finale penalizza forse troppo la squadra ospite che ha creato diverse occasioni da gol ma è riuscita a segnare soltanto su calcio di rigore. Evidente è infatti parso l'imbarazzo dell'arbitro Burns di Antigua sugli episodi di inizio gara. Licciardello non ha colpe specifiche sui gol subiti. La difesa è riuscita forse meno ad accorciare la squadra sul finire del primo tempo, quando il centrocampo è entrato in evidente difficoltà. In attacco è emerso Baldarelli, protagonista fino al momento dell'infortunio che lo ha costretto a uscire. Da quel momento la partita è diventata molto difficile e non ci sono più state grosse occasioni, prima del rush finale. Da segnalare l'ottima prova degli esterni di centrocampo, e in particolare quella di Dufek, decisivo anche nel contenimento delle avanzate avversarie.

La formazione europea esce a testa alta dal doppio confronto, e può recriminare sul risultato di entrambe le gare. Si è cosi realizzato l'obiettivo della vigilia di dare del filo da torcere agli avversari e provare a strappare un risultato utile.